Gli Anni 2000

2000
Realizza una performance su grande scala in Francia, sponsorizzata dal Museo Felissimo, creando un’immensa superficie di giornali provenienti da tutto il mondo che colpisce con palloncini pieni di colore lanciati da una mongolfiera. Una delle opere frutto della performance è esposta a Parigi nella sede dell'Unesco.
Al Nishinomiya Yacht Harbour inizia l'opera Dimostrazione di Pace, che sarà monumento del luogo per 100 anni.

2001
Viene invitato al "Japan Year" di Londra; alcune sue opere vengono acquisite dal Tate Modern.
Prende parte, presso la Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma, alla mostra "Le Tribù dell'Arte" curata da Achille Bonito Oliva.

2002
Partecipa a Londra all'evento artistico "Who's Norma Jeane?" organizzato dalla Galleria Primerose.

2003
Invitato alla 50° Biennale di Venezia presenta il Brain Academy Apartment international project.
Sempre in Italia partecipa alla collettiva "Skin Deep" presso il Museo di Arte Moderna e Contemporanea - MART, di Rovereto e a "Living Theatre/Labirinti dell'Immaginario" a cura di Lorenzo Mango e Giuseppe Morra presso il Castel Sant'Elmo di Napoli.

2004
Si esibisce con un elicottero, organizzata dalla nostra Associazione “Associazione bbcc Onlus (ABCOnlus)” ed è stata curata dall’Architetto Luigi de Marchi, come pre-evento in vista della successiva Biennale di Venezia del 2005.
Mostra personale alla Galleria Internazionale d' Arte Moderna Pesaro di Venezia, era stata curata da Guglielmo Di Mauro, con il supporto dell’ Architetto Luigi de Marchi presidente della “ABCOnlus”, in occasione della quale realizza una performance dal titolo Nyotaku. Tre delle opere realizzate vengono acquisite dalla Galleria.

2005
A Trevi si cimenta per la seconda volta in Italia in una performance durante la quale getta i colori da un elicottero e gli viene dedicata una mostra personale presso il Flash Art Museum, a cura di Guglielmo Di Mauro.
In maggio personale presso l’Atelier 25 di Reggio Emilia, in collaborazione con l’associazione Pari& Dispari.
Partecipa alla mostra "Un cuscino per sognare", promossa dal Comune di Reggio Emilia in collaborazione con l’Archivio Pari & Dispari, presso il Palazzo Casotti di presentando Nano Art la più piccola opera al mondo, creata sulle setole di uno spazzolino da denti. Partecipa a due mostre: "Senza Confine" nella Galleria Continua di San Gimignano; e "Gutai e AU" nella Galleria Spazio Fisico di Modena.

2006
Viene invitato a partecipare con dieci suoi lavori e due ricostruzioni del suo lavoro Prego, camminate qui sopra alla collettiva "Zero. Avant-garde Internationale des annees 1950-60", allestita presso il Museum Kunst Palast di Düsseldorf e in un secondo tempo portata nel Musée d’Art Moderne de Saint Etienne.
Realizza a Napoli nella storica piazza Dante, l’evento-performance Un'arma per la Pace: sollevato dal braccio di una gru tiene in mano una sfera piena di colori che con gesto serafico getta su una tela. L'azione viene accompagnata musicalmente da Charlemagne Palestine. La performance e` seguita dall'esposizione "Shozo Shimamoto. Opere anni '50-'90" presso la Fondazione Morra. Viene invitato dal governo cinese a tenere una performance a Pechino e a Chang Xing.

2007
Espone quaranta opere prodotte dal periodo Gutai ai giorni attuali nella mostra "Shozo Shimamoto: Action Colors 1950-2006" presso la Galleria Pier Giuseppe Carini di San Giovanni Valdarno.
Presso il Fashion Museum di Kobe tiene la performance Felissimo WHITE PROJECT; le opere realizzate vengono esposte allo Hyogo Prefectural Diplomatic Estabilishment e al Kobe Fashion Museum. Presenzia al P3 Project per la Biennale di Venezia; qui si cimenta in una performance, Bottle Crash, nel Chiostro di San Nicolò, organizzata in collaborazione con l’Architetto Luigi de Marchi presidente del “ABCOnlus”. Viene coinvolto nell'organizzazione di un evento a Pechino, "Art Challenged Project", cui partecipano molti artisti disabili arrivati dal Giappone.
Alcuni dei suoi lavori più rappresentativi vengono esposti nella collettiva "Artempo" organizzata da Mattijs Visser e Axel Vervoordt nel Palazzo Fortuny di Venezia.

2008
Il 7 maggio realizza una performance a Punta Campanella, Napoli, coinvolgendo un gruppo di danzatrici vestite da spose con la testa ricoperta da bicchieri saturi di colore.
Il 9 maggio fa una performance nel chiostro della Certosa di San Giacomo di Capri lanciando il colore su otto tele disposte a terra e su due contrabbassi disposti a lato delle tele, ricoperti da spartiti musicali e sorretti da due giovani donne. Sempre alla Certosa di San Giacomo di Capri espone alcuni suoi lavori nella mostra "Vento d'Oriente".
Presso il Museo Magi ‘900 di Pieve Di Cento (BO) si tiene la mostra Shozo Shimamoto / Yasuo Sumi - I colori della pace, con una performance nella sala Modigliani del Museo.
Il 13 novembre 2008 presso il Museo d' Arte Contemporanea di Villa Croce di Genova “Shozo Shimamoto. Samurai, acrobata dello sguardo”, curata da Achille Bonito Oliva.

2009
In occasione di Roma. Road to Contemporary Art , sono esposte sue opere in diverse mostre:
- Hofficina d’Arte, a cura di Achille Bonito Oliva;
- Palazzo Barberini, “Cose mai viste II” a cura di Achille Bonito Oliva, dedicata alle opere delle collezioni private degli artisti.
- Palazzo delle Esposizioni, in collaborazione con la Fondazione Morra, l’Archivio Pari & Dispari e l’Associazione Shozo Shimamoto.
Partecipa alla mostra collettiva “Madre Coraggio: l’arte” a cura di Achille Bonito Oliva che si tiene all’interno del Festival di Ravello.
Tiene una mostra personale presso la galleria “VV8 artecontemporanea” di Reggio Emilia, in collaborazione con l’Associazione Shozo Shimamoto, dal titolo “La danza del colore”, in occasione della quale ha luogo una performance del coreografo Mauro Bigonzetti e quattro ballerini della Fondazione nazionale di danza Aterballetto che animano gli abiti da sposa realizzati da Shimamoto nell’azione di Punta Campanella.

2011
Sculture e grandi tele provenienti dalle performance di Venezia, Punta Campanella, Capri e Genova sono esposte nella basilica di Santo Stefano di Bologna in occasione di Arte Fiera OFF in una mostra a cura di Achille Bonito Oliva.
Mostra personale presso la galleria “Nicola Pedana” di Caserta.
Mostra personale presso la Fondazione Morra di Napoli. Assieme a opere di grandi dimensioni sono proiettati due video di Mario Franco che documentano le performance di Piazza Dante a Napoli (2006) e Punta Campanella.
Viene invitato a condurre due performance presso il Moderna Museet di Stoccolma in Svezia in occasione dell’evento “AN EXPERIMENTAL CONFERENCE ON ART AND SCIENCE TO CHALLENGE THE MID-SUMMER SUN” dove reinterpreta la performance con il cannone del 1956 e quella su palcoscenico del 1957.

2012
Dal 14 marzo al 5 maggio 2012 la mostra personale “SHOZO SHIMAMOTO” c/o la Axel Vervoordt Gallery di Anversa (Belgio)