Arte d'avanguardia è disegnare fiori durante la guerra

L'arte d'avanguardia non si riferisce solo ad un'arte nuova. Nel mondo dell'arte compaiono numerose forme nuove che godono dell'attenzione pubblica, ma esse dovrebbero essere chiamate "tentativi di arte originale", mentre l'arte d'avanguardia è tutt'altra cosa.

Quando parlo con degli amici, mi capita che qualcuno mi proponga delle idee bizzarre concludendo con aspettativa: "Questa è interessante, vero?". Io resto fortemente imbarazzato perché molti mi raccontano le loro idee convinti che presentandomi cose strampalate, Shimamoto sia contento. Ma non è che dei contenuti originali e nuovi siano per forza d'avanguardia.

Vivendo nel proprio contesto sociale e prendendone in considerazione l'andamento, il singolo individuo sviluppa l'abilità di adattarsi ed inserirsi in esso, anche se le informazioni sociali vengono rielaborate individualmente. C'è chi le affronta con un approccio logico e chi le riceve d'istinto. E’ così che ognuno trova la propria risposta per vivere nel suo ambiente sociale indipendentemente dal suo livello di consapevolezza della propria reazione al contesto.

Ma a questo punto il problema è la natura dell'andamento sociale. Il sociologo Durkheim la chiama coesione sociale, dovuta a una coercizione. Tuttavia questa pressione sociale viene avvertita in maniera molto diversa dai singoli. Allo stesso modo in cui ci sono persone che rielaborano i dati sulla base di un breve periodo tenendo conto solo delle cose che si hanno davanti agli occhi, ce ne sono altre che agiscono dopo aver calcolato le possibilità future a lungo termine.

Nel caso degli artisti d'avanguardia, questi non avvertono se non minimamente la pressione sociale: sono poco sensibili al loro contesto ed anzi, potremmo dire che solo una ristretta minoranza ha il senso comune. Sono persone che hanno un loro modo di pensare innato, che puntano a un futuro remoto oltre la realtà prossima, e che propongono le loro idee mediante la loro arte.

Prendendo in considerazione eventi come la Seconda Guerra Mondiale, o lo sviluppo economico ed il conseguente problema ambientale, a distanza di molti anni vengono considerati eventi incredibili e discutibili, ma la storia dimostra che nel loro tempo la gente li riteneva una risposta normale ed ovvia. Gli artisti d'avanguardia però esprimono se stessi indipendentemente dall'andamento sociale e quindi magari disegnano dei fiori anche se la guerra imperversa. Questa è avanguardia.

Ripeto sempre che un quadro è un castello in aria, e il pittore che si abbandona alla fantasia e all'immaginazione non avverte molto la pressione sociale. In altre parole, rappresenta gli aspetti fondamentali dell'essere umano, dopo averli filtrati secondo una larghissima visione di vita e senza il limitante controllo del senso comune. Questa è l'arte d'avanguardia.

Diversi animali, con il pesce gatto in primis, si agitano prima di un grande terremoto, per l'uomo le loro non sono altro che azioni incomprensibili. E’ la stessa cosa.

Gli artisti d’avanguardia vengono spesso ritenuti incomprensibili dalla gente comune e le loro azioni sono considerate come stranezze fatte allo scopo di attirare l'attenzione e stupire la gente. Tuttavia, se proviamo ad analizzare la storia dell'arte, si capisce che le avanguardie hanno rivoluzionato l'arte e hanno suonato un campanello d'allarme verso il modo di vivere dell'uomo, nonostante che al tempo fossero parse solo bizzarrie.

In Giappone, quando le opere di artisti storici di livello mondiale vengono commentate, immancabilmente sono la bellezza e la qualità della tecnica ad essere elogiate. Questo succede in quanto i giapponesi sono un popolo ignorante dal giardino incolto, cui non importa il fatto che le opere siano nate da una mentalità d'avanguardia.

Quando i critici presentano Millet, ad esempio, evidenziano sempre la bellezza dei suoi quadri, ma a me non sembra affatto un pittore particolarmente bravo. Al tempo ce n'erano tantissimi di molto più bravi tecnicamente. Ma considerando il fatto che lo stesso Millet, il quale sotto l'influenza dello stile Rococò dipingeva bellissime principesse in vestiti sfarzosi, cambiò completamente direzione proponendo la bellezza delle scene contadine e di coppie con vestiti poveri, è da elogiare piuttosto il suo atteggiamento di avanguardia.

Lo stesso si può dire di Chardin. In un’epoca in cui era normale aspettarsi dipinti di magnifici fiori in un vaso decorato o di arredamenti lussuosi, Chardin rappresentava una pentola vecchia in cucina, con patate e verdura che in parte ne uscivano. Per di più, è di grandissimo rilievo lo spirito pionieristico di aver spinto sul palcoscenico proprio la natura morta che al tempo era solo un soggetto subordinato.

L'arte d'avanguardia rivoluziona in questo modo il punto di vista della bellezza ed allo stesso tempo è anche una proposta di un nuovo modo di esistere.