facebook   twitter  instagram

5×1000 “L’arte dipinge la vita”

Basta una firma: sostieni L’arte dipinge la vita destinando il 5 per mille dell’IRPEF alla Fondazione Morra

 

Da oggi puoi sostenere la nostra attività destinando il 5 x mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) alla Fondazione Morra – Istituto di Scienze delle Comunicazioni Visive.

La tua scelta aiuterà la Fondazione a sviluppare progetti di tutela, promozione e valorizzazione dell’arte contemporanea!

 

fondazione morra 5x1000 2020

Allan Kaprow, Stockroom, 2016. Casa Morra Archivio d’Arte Contemporanea - Napoli

 

COME FARE?

Destinare il 5 x mille alla Fondazione Morra è semplice e non costa nulla:

 

CERCA

nel modulo della dichiarazione dei redditi (Modello Unico, 730, CUD) lo spazio: 

  Scelta per la destinazione del cinque per mille dell’IRPEF

 

FIRMA

nel riquadro “Finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici (soggetti di cui all’art. 2, comma 2, del D.P.C.M. 28 luglio 2016)”

 

INSERISCI

Il codice fiscale della Fondazione Morra nell’apposito spazio sotto la firma: 94202830637

PROMEMORIA. Invia una mail al tuo commercialista con il codice fiscale

Scegliere di destinare il 5 x mille non comporta spese né aggravi d’imposta e non esclude la destinazione dell’8 x mille.

Firma per la cultura!

  • Associazione Shozo Shimamoto photo Amedeo Benestante
  • Associazione Shozo Shimamoto photo Fabio Donato
  • Associazione Shozo Shimamoto photo Fabio Donato
  • Associazione Shozo Shimamoto photo Fabio Donato
  • Associazione Shozo Shimamoto photo Fabio Donato
  • Associazione Shozo Shimamoto photo Fabio Donato
  • Associazione Shozo Shimamoto photo Fabio Donato
  • Associazione Shozo Shimamoto photo Fabio Donato
  • Associazione Shozo Shimamoto photo Fabio Donato
  • Associazione Shozo Shimamoto photo Fabio Donato
  • Associazione Shozo Shimamoto photo Fabio Donato
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11

L’Associazione Shozo Shimamoto è stata fondata in Italia e Giappone nel 2007 da Rosanna Chiessi, Laura Montanari e Giuseppe Morra, con lo scopo di promuovere e sostenere la ricerca artistica di Shozo Shimamoto non solo attraverso la pubblicazione di cataloghi, video e documentari, ma anche producendo alcune delle performance che lo hanno reso celebre in tutto il mondo. Accanto alla produzione artistica, l’Associazione Shozo Shimamoto ha intrapreso un lavoro di ricognizione critica e storiografica del lavoro del Maestro, nonché di organizzazione e gestione del suo Archivio Generale, grazie anche all’ausilio di Andrea Mardegan, referente in Giappone. 
Leggi tutto

bio 04 bio 05bio 06


Gli Anni '60-'70

1960
Prende parte al “Festival Internazionale Cielo” sopra il tetto dei grandi magazzini Takashimaya, Osaka. Gli artisti invitati spediscono agli artisti Gutai fotografie delle loro opere, poi riprodotte ingrandite e fissate su palloni lasciati liberi di volare sul cielo di Osaka.

1961
Promossa da Tapié viene allestita una mostra “Continuité et avant-garde au Japon" presso l’International Center of Aesthetic Research di Torino.

1962
Shimamoto tiene la sua prima personale alla Pinacoteca Gutai, inaugurata nel settembre dello stesso anno a Osaka.

1965
Partecipa all’esposizione "Nul Negentienhonderd vijf en Zegtig" tenuta allo Stedelijk Museum di Amsterdam.

1966
Interviene al "II Salon International des galeries pilotes” al Musée cantonal des Beaux Arts di Losanna in Svizzera.

1969
Prende parte alla "IX Exposition d'art japonais contemporain" nel Museo di Tokyo.

1970
Durante l'Expo di Osaka, il gruppo viene incaricato della realizzazione di numerosi eventi: Shimamoto organizza, in qualità di produttore artistico, numerose iniziative.

1972
Tiene due personali: alla Galeria Sobrad di São Paulo e alla Muramatsu di Tokyo. Con la morte di Yoshihara il Gruppo Gutai si scioglie. Shimamoto inizia a interessarsi alla mail art.

1975- 1976
Aderisce alle iniziative dell'Unione degli Artisti (Artists' Union Group), del quale viene eletto segretario capo, diventando uno dei massimi rappresentanti della mail art e sviluppando una nuova e personalissima concezione dell'uomo-artista e dell'opera come prodotto di un lavoro sociale e collettivo che si riflette in un preciso progetto: ogni volta che il maestro Shimamoto incontra un artista o una personalità politica importante lo invita a intervenire con scritte, disegni e oggetti sulla sua testa rasata, conservando la documentazione fotografica dell'azione. Espone a Tokyo, Osaka e San Francisco.

1976
Partecipa all'esposizione "L'attuale concezione dello spazio" presso la Galleria municipale d'arte di Yokohama e alla mostra retrospettiva "18 anni di arte Gutai” alla Galleria d’arte della prefettura di Osaka.
Crea una strada composta da 10.000 pagine di giornali presso la riva del fiume Mukogawa.

1979
Espone 10.000 giornali quotidiani al "World Symposium Invitation Show" di Alberta, in Canada. Fa parte della collettiva "Dopo Yoshihara e il Gutai" presso il Museo di Arte Moderna di Kobe.